Green Booking - Insieme per le tartarughe marine dell’Adriatico

Blu Booking - Insieme per le tartarughe marine dell’Adriatico, un progetto di Info Alberghi srl

PRENDIAMOCI CURA DEL MARE... UN SORSO ALLA VOLTA

BluBooking è il progetto di Info Alberghi Srl per la tutela del mare Adriatico e delle specie animali e vegetali che lo abitano e per la sensibilizzazione di turisti e albergatori verso un turismo sostenibile e rispettoso degli equilibri ambientali.

A partire da Giugno 2019, Blu Booking - Insieme per le tartarughe marine dell’Adriatico sosterrà Fondazione Cetacea Onlus con una campagna di sensibilizzazione destinata agli hotel della Riviera Romagnola presenti su info-alberghi.com per la salvaguardia delle tartarughe marine e la riduzione della plastica in mare.

Blu Booking: come funziona?

  1. Info Alberghi propone a tutti gli hotel presenti sul portale un patto di scambio: una fornitura di cannucce di carta in cambio delle classiche cannucce di plastica.

  2. Insieme agli hotel che aderiscono alla campagna, Info Alberghi adotta 3 tartarughe lungodegenti ospiti presso la Fondazione Cetacea Onlus e dona l’adozione agli hotel.

Qual è il nostro obiettivo?

Sensibilizzare gli hotel e di conseguenza i turisti sull’importanza del rispetto del mare e sulla necessità di prevenire l’inquinamento da plastiche e microplastiche in due modi:

  • Prendendoci cura delle sue creature, le tartarughe
  • Fornendo un’alternativa molto semplice alla plastica:
    la carta biodegradabile

Fondazione Cetacea

È attiva a Riccione dal 1988 nel soccorso e nella tutela di tartarughe marine, cetacei e squali del'Adriatico. Gestisce il centro di recupero, cura e riabilitazione delle tartarughe marine di Emilia Romagna e Marche e in questi anni ha curato e restituito al mare 637 tartarughe.
È ufficialmente riconosciuta dalla Regione Emilia Romagna come Centro di Educazione Ambientale e svolge attività di divulgazione, educazione e ricerca.

La plastica inquina il mare

I numeri dell'inquinamento di plastica nel mondo

Le dimensioni dell’inquinamento marino da plastiche e microplastiche sono allarmanti. Secondo il report WWF 2018, ogni anno si riversano in mare 150-500 mila tonnellate di macroplastiche e 70-130 mila tonnellate di microplastiche. Il 90% delle specie di uccelli marini e il 60% delle specie di pesci ha ingerito plastica, così come tutte le specie di tartarughe marine del Mediterraneo: 1 su 2 ha ingerito plastica. La situazione peggiora d’estate quando 200 i milioni di turisti si riversano sul Mediterraneo e la quota di rifiuti in mare sale del 40%. Secondo il report 2018 di Legambiente il costo del Marine Litter è 476,8 milioni di € all’anno in termini di impatto su pesca e turismo, a cui si aggiungono 411 milioni per pulizia di spiagge e mare. La situazione italiana rispecchia il trend mediterraneo:

179.023particelle di plastica per Km2 di mare italiano
777rifiuti spiaggiati ogni 100 metri di litorale
80%dei rifiuti sulle spiagge è di plastica
68%delle tartarughe spiaggiate hanno ingerito plastica
Fonte: Dati presentati da Ministero dell’Ambiente in collaborazione con Ispra e 15 Arpa costiere a Slow Fish 2019

Segui le buone pratiche di Blu Booking

Scegli

oggetti di materiali biodegradabili e riciclati: bicchieri e bottiglie di vetro o acciaio, piatti di porcellana, tovaglie di stoffa, etc.

Evita

prodotti usa e getta: no a cannucce di plastica, buste della spesa, acqua in bottiglia, cotton fioc, penne, accendini.

Controlla

gli ingredienti dei prodotti cosmetici e per l'igiene e assicurati che non contengano polypropylene, polyethylene o polyvinyl.

Acquista

il più possibile prodotti a peso sfusi e conserva gli alimenti in barattoli di vetro invece che di plastica: inquinano meno e non rilasciano contaminanti a contatto col cibo.

Fai attenzione

a non gettare oggetti nel WC che inquinano il mare! Lenti a contatto, assorbenti e cotton fioc vanno nel cassonetto.

Adotta

comportamenti responsabili: fai la raccolta differenziata, non gettare rifiuti sulla spiaggia o nell’ambiente, inclusi mozziconi di sigarette.

Rassegna Stampa

I numeri del Blu Booking

Aiutaci a far crescere il progetto, partecipa, condividi e fai la tua parte per prenderti cura del mare e delle sue tartarughe. Ecco i nostri traguardi, siamo sicuri che insieme si può fare di più!

31000 cannucce distribuite
124hotel che hanno aderito a BluBooking
3tartarughe adottate
All’adozione di una tartaruga possono partecipare più hotel fino al raggiungimento della somma necessaria per le sue cure e il sostentamento

Adotta una tartaruga: le storie

Alessandra

Recupero: Lido di Volano, agosto 2018

Condizioni: due ferite da elica molto profonde, una al cranio e una al carapace, alla TAC ha rivelato anche un amo nell’'esofago.

Cure: operata alla Clinica Veterinaria Modena Sud dal dottor Giordano Nardini, grazie alla collaborazione di Associazione Benessere Animale Onlus. Una volta cicatrizzata la ferita al cranio con laserterapia e ricoperta con una speciale resina, è tornata al Centro di recupero di Riccione per il percorso di fisioterapia, che consiste in movimenti sincronizzati delle pinne anteriori e posteriori, movimenti della ranfoteca (becco) e dei muscoli del collo. Dopo alimentazione forzata fino ad aprile, ora mangia autonomamente. La sua riabilitazione speriamo si concluda con la completa guarigione e il ritorno in mare!

Carolina

Recupero: spiaggia antistante l'Acquario di Cattolica, 23 marzo 2018

Condizioni: Carolina è una piccola tartaruga, al ritrovamento misurava appena 22 cm per 1,4 kg! Nei giorni del suo ritrovamento circa 15 tartarughe in ipotermia si sono spiaggiate a causa delle forti mareggiate. Le tartarughe, infatti, sono rettili "a sangue freddo" e soffrono molto gli sbalzi termici, non essendo in grado di termoregolarsi, specialmente quando sono di piccole dimensioni.

Cure: dopo aver recuperato lo stato di ipotermia, un veterinario specializzato in oculistica ne ha diagnosticato la cecità, probabilmente in seguito a un'infezione contratta in mare. Il suo progetto di recupero ha un decorso delicato e peculiare in virtù della sua particolare condizione di disabilità.

Faustina

Recupero: Porto Barricata (Rovigo), 22 luglio 2018

Condizioni: al recupero presentava uno sfondamento della calotta cranica probabilmente per mano umana.

Cure: nonostante un intervento chirurgico, presenta gravi problemi neurologici: se non stimolata resta catatonica a galleggiare nella vasca. Per questo è stata portata al Centro di recupero di Riccione dove ha cominciato un percorso di riabilitazione. La sua fisioterapia consiste nel cercare di sincronizzare le pinne anteriori e posteriori con allungamenti muscolari fino a ottenere il completo rilassamento delle stesse, che altrimenti tiene serrate. Ha iniziato da poco a mangiare autonomamente piccole quantità di pesce. A completa guarigione potrà fare ritorno in mare.

Domande frequenti

Cos’è Blu Booking?

L’inquinamento marino da plastica è un fenomeno complesso che merita un’attenzione su più fronti. Vogliamo prenderci cura del mare aiutando da un lato le tartarughe ospiti della Fondazione Cetacea e sensibilizzando, dall’altro, il mondo del turismo all’utilizzo di oggetti monouso biodegradabili. Nello specifico proponiamo delle cannucce di carta al posto di quelle in plastica, altamente inquinanti perché si usano in media per 20 minuti e richiedono 500 anni per essere smaltite.

Come funziona?

Info Alberghi Srl propone agli hotel presenti sul portale uno scambio etico: cannucce di plastica tradizionali in cambio di una fornitura simbolica di cannucce di carta. Per ogni hotel che accetta lo scambio, Info Alberghi adotta una tartaruga e dona l’adozione all’hotel, alimentando un circolo virtuoso di buone pratiche con l’obiettivo comune della tutela del mare.

Da dove viene la plastica che troviamo in mare?

L’80% dei rifiuti spiaggiati deriva dai fiumi, mentre il 20% è scaricato direttamente in mare: è molto importante agire sui comportamenti a terra oltre che sulla pulizia delle spiagge e delle acque.

Quanta plastica consumano gli italiani?

Ogni anno gli italiani consumano 2.1 milioni di tonnellate di imballaggi di plastica; 32 milioni di bottiglie di acqua minerale al giorno. In Europa, dopo i tedeschi siamo i secondi produttori di imballaggi e i primi consumatori di acqua in bottiglia, tra i primi nel mondo: 178 litri a persona all’anno.

Quali sono i tempi di smaltimento dei rifiuti plastici in mare?

La plastica è largamente usata perché indistruttibile, la maggior parte della plastica rimane nell’ambiente per centinaia di anni poiché non è biodegradabile. In media ci vogliono 5 anni per smaltire il filtro di una sigaretta, 20 anni per una busta, 50 per un bicchiere di plastica. Per smaltire un filo da pesca sono necessari addirittura 600 anni.

Cos’è la Planti-sfera?

Sulla plastica presente in acqua si concentrano organismi, nuove comunità di microorganismi che possono causare malattie nell’uomo. Batteri, alghe, insetti, spugne si depositano sulla plastica dando vita a nuovi organismi che hanno un impatto grave sull’habitat marino e che si spostano molto velocemente.

Quali danni produce la plastica in mare?

I rifiuti plastici feriscono e intrappolano pesci, cetacei e mammiferi marini. I frammenti di plastica (particelle di diametro inferiore a 5 mm) vengono ingeriti dai pesci e dagli uccelli marini con conseguente soffocamento, malnutrizione, lesioni interne, tossicità di vario tipo.

Quali i rischi per le specie marine?

La plastica in mare produce il 90% dei danni alle specie marine selvatiche, nel mondo sono 700 quelle a rischio. La principale minaccia sono i lacci, fili da pesca, gli anelli dei tappi delle bottiglie e gli imballaggi che si attorcigliano sugli animali procurando lesioni, ferite e impedendo loro di nuotare e scappare dai predatori.

Perchè gli animali scambiano la plastica per cibo?

Uccelli e pesci scelgono il cibo attraverso l’olfatto. La plastica assorbe l’odore dell’ambiente che li circonda e quindi del cibo che normalmente questi animali mangiano. Le tartarughe, invece, sono ingannate dalla somiglianza tra una medusa e una busta di plastica o i resti di un palloncino.

Quali i rischi per la nostra salute?

Il 18% di pesci spada e tonni presenti nel Mediterraneo ha della plastica nello stomaco. Anche pesci più piccoli che vivono nei fondali sabbiosi possono cibarsi di microplastiche che si trovano nello zooplancton: ve ne è traccia nella triglia di fango, nella sogliola, nelle cozze.

Quali danni per le tartarughe dell’Adriatico?

Da uno studio condotto nel Mediterraneo è emerso che tutte le specie di tartarughe marine hanno plastica nello stomaco: il 35% delle Caretta caretta ha quasi solo plastica, in alcuni esemplari sono stati rinvenuti fino a 150 frammenti di materiale.

Come verranno usati i soldi donati alla Fondazione Cetacea Onlus?

Fondazione Cetacea Onlus utilizzerà le donazioni di Info Alberghi srl per le cure e il sostegno degli animali presenti presso la loro sede.

Cosa verrà dato agli hotel che aderiscono al Blu Booking?

Agli hotel verrà consegnato: un quantitativo simbolico di cannucce di carta in sostituzione a un analogo numero di cannucce di plastica; il certificato di adozione della tartaruga da esporre presso l’hotel; un adesivo che certifica la partecipazione dell’hotel al progetto.

Quanto costa agli hotel aderire a Blu Booking?

Nulla! Solo la promessa di valutare materiali biodegradabili e compostabili per i prossimi acquisti della struttura.